Epitaffio per Giuliano

Epitaffio per Giuliano

Una stele di gloria per un eroe

di Libanio
tradotto da Mario Certo

La proposta di una nuova traduzione dell’Epitaffio per Giuliano in un panorama pubblicistico, che contiene già altre ottime versioni italiane, potrebbe apparire inutile, superflua e addirittura presuntuosa. Tanto più che quest’opera, che nell’edizione Foerster degli scritti di Libanio è catalogata come la XVIII orazione, non propone dati relativi all’ultimo imperatore romano pagano che non possano essere reperiti con ben altra abbondanza in altre fonti documentarie. Ma la rievocazione che il retore antiocheno fa della vita e dell’opera di Giuliano contiene elementi che emergono al di là del suo indubbio valore letterario e dell’espressione della commozione di un sofista che lo aveva conosciuto, frequentato e ammirato. L’Epitaffio ci fornisce infatti anche possibili argomenti di analisi e di discussione sulla natura della religiosità degli ultimi intellettuali pagani e sulle loro aspirazioni in un periodo in cui erano sottoposti a duri attacchi, e non solo verbali, dalle gerarchie, dalle comunità monastiche, dal popolo dei fedeli e dagli intellettuali cristiani. Questo lavoro ha l’ambizione di fornire un apparato di note, di informazioni, e di riflessioni critiche al riguardo, anche riunite in brevi saggi in appendice, che hanno lo scopo di stimolare una valutazione personale in chi abbia la pazienza e la voglia di leggerlo.

2014, pagg. 252, cm 14,8 x 21
ISBN: 9788865372654
Categoria: Storia
Tag: Giuliano, intellettuali pagani
€17,00