Una scienza con l’anima

Una scienza con l’anima

Scienza o incoscienza? Per potere apprezzare la bellezza e la potenza della scienza, è necessario conoscerne il funzionamento e i limiti. Da qui muove questa riflessione critica che, partendo dalla sua nascita nell’humus alchemico e metafisico fino alla sua piena affermazione nella modernità, aiuta a comprendere il ruolo che la società ha conferito oggi alla scienza, spesso con una sopravvalutazione del suo potere conoscitivo che a volte sfocia in un delirio di onnipotenza. L’opera, rivolta a tutti, accompagna il lettore attraverso un’analisi critica del metodo scientifico, definendone limiti di validità e applicabilità. Attraverso un’esposizione vivace, a volte paradossale e provocatoria, si vogliono stimolare domande e riflessioni ed evidenziare, dall’interno, distorsioni e contraddizioni nel mondo della scienza e sfatare pregiudizi che aleggiano su di essa. Per quanto meravigliosa sia, la scienza è uno degli strumenti conoscitivi della realtà e non “una visione del mondo”. È auspicabile quindi una prospettiva più ampia che restituisca cittadinanza all’inconoscibile, al mistero, allo scientificamente-altro. È un contributo a un dibattito che deve riguardare tutti e che non può essere demandato solo agli specialisti.

2015, pagg. 196, cm 14,8 x 21
ISBN: 9788864581361
Collana: Orizzonti
Categoria: Scienza e Tecnica
Tag: scienza, società, realtà
€14,00

Nella stessa collana