Uniformazione del diritto contrattuale europeo: il difficile approdo a un diritto comune della vendita

Uniformazione del diritto contrattuale europeo: il difficile approdo a un diritto comune della vendita

La compravendita, tra i più rilevanti istituti nell’ambito del diritto dei consumi, ha risentito delle trasformazioni culturali e normative. Queste sono state determinate dall’incidenza di principi e valori innovativi e dall’esigenza di adeguarsi alle nuove regole di un mercato globalizzato, in cui i rapporti sono ormai segnati dal progresso tecnologico e dalle tecniche digitali. Il quadro di riferimento normativo della vendita si va ampliando sempre più, anche grazie al contributo delle fonti europee. Suscitano attenzione, nel dibattito scientifico, non solo le normative già in essere, ma anche quelle in fase di gestazione. In questo contesto si colloca la Proposta di Regolamento per un diritto comune europeo della vendita la quale si inserisce nel lungo e complicato processo di creazione di un diritto europeo unitario, almeno in materia contrattuale. Il lavoro si sofferma su alcuni aspetti della Proposta che consentano di evidenziarne punti di forza e di debolezza. A fronte delle critiche ad essa mosse che hanno contribuito a una battuta d’arresto nell’adozione del Regolamento, si sono valutate le prospettive che questa potrebbe offrire anche in vista di una sua rimodulazione all’interno di nuova Proposta.

2016, pagg. 191, cm 14,8 x 21
ISBN: 9788864581224
Collana: Orizzonti
Categoria: Diritto ed Economia
Tag:
€15,00

Dello stesso autore...

Nella stessa collana